Perchè due parrocchie?

Fin dalle sue origini, nell'autunno 2002, l'oratorio di Pasian di Prato è stato caratterizzato dalla presenza di bambini e ragazzi provenienti da entrambe le parrocchie del nostro paese. Negli anni scorsi la sede delle attività di animazione era addirittura "mobile": una parte dell'anno a San Giacomo, l'altra parte dell'anno a Santa Caterina.

Perchè questo accorpamento? Motivi molteplici... innanzitutto i bambini e i ragazzi di entrambe le parrocchie frequentano le stesse scuole, quindi si conoscono bene. In secondo luogo i motivi sono geografici: perchè proporre attività soltanto per una parte degli abitanti di Pasian di Prato, escludendo alcuni che magari abitano dall'altra parte della strada? Essendo un unico paese, sebbene con le sue diverse caratteristiche, il gruppo animatori vuole remare in entrambe le direzioni, cercando di porsi a metà tra le due parrocchie.

Un terzo motivo riguarda la possibilità di coinvolgere tutti quanti, bambini e ragazzi di San Giacomo e di Santa Caterina. Perchè rinunciare ad una opportunità di questo tipo? Perchè nascondersi dietro ad un dito formato da antichi e obsoleti campanilismi da osteria? Il Vangelo mica fa differenze in base al luogo di residenza?

Non è facile

Dal nostro punto di vista non è facile interagire con due parrocchie. Sono comunque due realtà che operano in modo distinto, su scale diverse: due diversi parroci, due diversi gruppi di catechisti, due diverse modalità di comunicazione (bollettini parrochiali e avvisi). E i numeri purtroppo confermano questa nostra difficoltà: moltissimi sono infatti i bambini e ragazzi di San Giacomo, in confronto a 1-2 bambini di Santa Caterina che frequentano l'oratorio. Il coro dell'oratorio inoltre canta a San Giacomo. Perchè questo? Eppure tutti gli avvisi e i volantini arrivano anche a Santa Caterina. È vero, l'oratorio ha la sede delle sue attività a San Giacomo, per via di spazi e attrezzature molto più adatti. Poi Santa Caterina ha già un meraviglioso coro di giovani. I cori sono distinti... ma tutto il resto? Si fa così tanta difficoltà a percorrere 300-500 metri in auto per venire in oratorio? Lanciamo un sassolino nell'acqua...

Iscriviti alla newsletter

Così per i principali appuntamenti sarai aggiornato direttamente via mail!

I prossimi appuntamenti

La frase di oggi

Allora Gesù, sedutosi, chiamò i dodici discepoli e disse loro: "Se uno vuole essere il primo, deve essere l'ultimo di tutti e il servitore di tutti".

Mc 9, 35



Gli ultimi articoli inseriti

Archivio articoli